14 Dicembre 2021

Rinnovo dell’Accordo integrativo

Categoria: News

Way2Global ha rinnovato il suo accordo integrativo di 2° livello introducendo importanti novità.

Chi ci conosce sa che la nostra agenzia di traduzioni ha una forma giuridica particolare, quella di Società Benefit. Questo significa che siamo impegnati attivamente a generare con la nostra attività un impatto positivo sia in ambito sociale che ambientale.

Nello specifico, nel nostro intento programmatico di creazione di valore per il mondo, un posto di primo piano è ricoperto dal nostro capitale umano, che ci consente di garantire un servizio tempestivo e di qualità al cliente.

Vista la sua importanza strategica, non stupisce che le persone e la loro felicità siano al centro del nostro impegno di beneficio comune, tanto che l’abbiamo codificato anche nel nostro Statuto.

È proprio in questa ottica che abbiamo deciso di rinnovare l’accordo integrativo di 2° livello inserendovi nuove misure di welfare per adattarci ai continui e importanti cambiamenti sociali della nostra epoca.

Oltre lo smart working, verso l’Anywhere Office

La novità più importante è costituita dall’introduzione di un’innovativa modalità di organizzazione del lavoro che abbiamo deciso di chiamare “Anywhere Office”.

Come molte altre aziende, dall’avvento della pandemia anche Way2Global lavora in regime smart working al 100%. Nonostante le difficoltà iniziali, la nostra esperienza mostra che questa modalità di lavoro non solo garantisce maggiore efficienza e produttività all’azienda, ma offre ai dipendenti la possibilità di ottimizzare lo stile di vita e la conciliazione vita-lavoro.

Per questo motivo, alla luce dello straordinario risultato economico di questo esercizio, ma anche e soprattutto dei desiderata espressi dai dipendenti, abbiamo deciso di evolvere quella che era nata come una soluzione di emergenza in un modello organizzativo strutturale, e quello che finora era un semplice smart working in una concezione ben più articolata: l’Anywhere Office.

Anywhere Office non è altro che una modalità di lavoro ibrida, parte in presenza e parte in smart working, un concetto di “ufficio diffuso”, un “non luogo” che garantisce ai dipendenti totale libertà di scelta non solo dei tempi ma anche dei luoghi di lavoro.

E’ un modello basato sulla massima flessibilità oraria e organizzativa, per una gestione autonoma e fiduciaria dei tempi di lavoro, che si alimenta di nuove logiche di responsabilizzazione e coinvolgimento dei dipendenti nei processi decisionali e nei tavoli di co-progettazione (design thinking), oltre che di inclusione, delega e autonomia, e che misura le performance solo in funzione dei risultati – agli antipodi dei vecchi modelli aziendali di natura verticistica organizzati su logiche di comando e controllo.

Anywhere Office prevede uno o due giorni alla settimana di socializzazione e lavoro di squadra in presenza, che si intenderà comunque opzionale per i lavoratori, liberi di optare per l’alternativa di collegarsi alle riunioni in videocall.

Mentre la restante parte della settimana gestita in smart working si arricchisce di una serie di nuove misure atte a garantire ai dipendenti il supporto tecnico, economico, formativo e psicologico necessario per gestire il lavoro agile nella sua accezione più nobile, ossia libertà di scelta tempi e luoghi di lavoro.

L’accordo prevede infatti, tra l’altro, la fornitura di apparecchiature e arredi per allestire il proprio Home Office, la previsione di un indennizzo per la connessione internet e, soprattutto, un percorso di alta formazione a tema smart working e soft skill atto a consolidare le competenze dei lavoratori affinché applichino questa modalità organizzativa nel modo più efficace e ricco di potenzialità.

L’obiettivo è quello di ridurre lo stress e neutralizzare le pericolose derive da abuso del lavoro remoto in chiave di connessione h24, per favorire piuttosto le migliori condizioni lavorative, promuovere l’auto-responsabilizzazione e l’empowerment delle persone, creare fiducia, agire la resilienza, ottimizzare benessere, piacere e passione per il lavoro, ritrovare focus ed equilibrio in tutte le aree della propria vita, motivare le persone all’ingaggio e alla crescita, costruire relazioni, collaborazione e condivisione.

Non ultimo, abbiamo messo a disposizione delle persone uno speciale sportello di assistenza psicologica e mental coaching a distanza per gestire l’eventuale disagio connesso al distanziamento e alla minore frequenza di socializzazione.

L’Anywhere Office non è però l’unica novità introdotta nell’accordo.

Alziamo l’asticella del welfare aziendale

In Way2Global siamo soliti non accontentarci mai, per questo, se abbiamo l’occasione di spingerci oltre gli obblighi di legge, lo facciamo volentieri.

Nel nuovo accordo integrativo, ad esempio, abbiamo introdotto tre novità che si muovono in questa direzione.

La prima è la banca ore amicale, che consente di cedere ore di permessi e ferie tra colleghi. L’adozione di questa misura nasce dalla volontà dell’azienda di soddisfare le diversificate esigenze di permessi e ferie delle persone. Mentre alcuni dipendenti in determinate situazioni possono ad esempio trovarsi nella necessità di prendersi cura di un familiare non autosufficiente, altri potrebbero non avere la stessa urgenza o addirittura cumulare giorni di ferie non godute. Così abbiamo voluto offrire loro la possibilità di venirsi incontro reciprocamente, alimentando rapporti di amicizia e coesione a livello di organico.

La seconda novità riguarda la parificazione dei congedi parentali a favore dei neo-padri lavoratori, con un periodo che abbiamo esteso ai 5 mesi di norma riservati alla sola maternità obbligatoria. La nostra intenzionecon questa innovativa misura, è quella di spingerci ben oltre gli obblighi di legge e precorrere, ci auguriamo, la normativa nazionale in direzione di una maggiore equità di genere, che sgravi le madri dall’esclusività delle cure parentali e conceda ai padri di vivere appieno l’esperienza della paternità. La nuova misura va a integrare tutte quelle già previste in Way2Global per favorire la condizione delle neo-madri lavoratrici, garantire loro un sereno e graduale rientro al lavoro, e promuovere fattivamente le pari opportunità in azienda.

La terza novità riguarda il potenziamento dei congedi a disposizione dei caregiver grazie al quale i dipendenti possono usufruire di ore aggiuntive qualora avessero necessità di assistere i figli, i genitori anziani o altri familiari bisognosi di cure.

Tutte le novità illustrate contribuiscono a ridisegnare e arricchire sistematicamente l’innovativo modello di welfare aziendale codificato nel nostro accordo integrativo di secondo livello, che è stato anche riconosciuto per il secondo anno dalla prestigiosa iniziativa Welfare Index PMI.

Perseguire la felicità dei dipendenti è tra gli obiettivi di beneficio comune integrati nella Mission della nostra agenzia di traduzioni. Raggiungere questo obiettivo non è semplice, soprattutto in uno scenario economico e sociale in continuo e radicale cambiamento come l’attuale.

Ma come benefit corporation avamposto di innovazione sociale, siamo determinati a riconfermarci nel nostro ruolo di agenti del cambiamento. Amiamo sperimentare e uscire ogni giorno dalla nostra zona di comfort per precorrere nuovi modelli più sostenibili, senza timore di commettere errori o di scontrarci con i nostri limiti, che ci consentono anzi di sviluppare nuova consapevolezza da investire nel precorrere e ispirare un cambio di paradigma ormai indifferibile verso lo sviluppo sostenibile.

Contatti

Richiedi Informazioni


    Laura Gori è Founder e CEO di Way2Global, agenzia di traduzioni dall’anima Benefit, oltre che startup femminile. Dopo trent’anni alla guida di una piccola multinazionale della localizzazione, Laura ha deciso di ricominciare daccapo e di fondare Way2Global per fare impresa a beneficio della società e dell’ambiente, oltre che della crescita aziendale. Fervente paladina di Benefit Corporation e delle istanze di empowerment femminile, Laura coglie ogni occasione per diffondere consapevolezza su questi temi e contribuire all’affermazione di un’economia più giusta, egualitaria e sostenibile per tutti.
    Articoli correlati
    Consultazione pubblica e field test EFRAG sullo Standard VSME: la nostra esperienza

    All’inizio dell’anno abbiamo deciso di aderire a un progetto di grande attualità: testare e applicare sul campo il nuovo Standard europeo di rendicontazione della sostenibilità VSME (Voluntary […]

    Leggi di più
    Come tradurre il bilancio d’esercizio in inglese?

    Tradurre il bilancio d’esercizio in inglese è una scelta che impatta sulle opportunità di crescita dell’azienda, pertanto non va sottovalutata. Essendo uno dei documenti che traduciamo con […]

    Leggi di più
    Best practice 2023: il meglio della rendicontazione non finanziaria

    Si è svolta anche quest’anno la Conferenza sulle best practice italiane di informazione non finanziaria, evento organizzato da Fondazione O.I.B.R. in collaborazione con Assobenefit, Mercurio GP e […]

    Leggi di più
    Traduzione referto medico: la guida completa

    Il referto medico è tra i documenti più delicati e sensibili che ci vengono affidati in traduzione, ed è per questo motivo che occorre particolare rigore e competenza per […]

    Leggi di più
    Medical writing o traduzione medica?

    Medical writing e traduzione medica sono due servizi ben distinti, eppure spesso vengono confusi, e ci capita di ricevere richieste di medical writing per casistiche che […]

    Leggi di più
    Etichette dei farmaci: perché ricorrere alla traduzione professionale

    Le etichette dei farmaci sono uno strumento essenziale per garantire un corretto utilizzo dei medicinali, motivo più che sufficiente per preferire la traduzione professionale, servizio ben più affidabile e […]

    Leggi di più