4 Agosto 2021

Perché diventare una B Corp

Categoria: News

Perché diventare una B Corp?” è quello che molte aziende si chiedono dopo aver scoperto quanto sia impegnativo il processo per certificarsi come Benefit Corporation.

Diventare una B Corp è una scelta sfidante in quanto presuppone un cambiamento radicale sotto vari punti di vista, soprattutto a livello culturale e strategico. Essere B Corp significa fare impresa con un duplice obiettivo: generare profitti che siano sostenibili nel lungo termine e costruire con lo stesso impegno un futuro sostenibile per le prossime generazioni e per il pianeta.

Way2Global: molto più di un'agenzia di traduzione! Da più di 30 anni valorizziamo la comunicazione delle aziende oltre i confini generando valore sociale e ambientale.
Scopri di più

Nonostante la complessità e l’impegno che questa decisione comporta, il numero di aziende che hanno deciso di diventare B Corp sta registrando una crescita esplosiva. Si parla a oggi di quasi 4.000 B Corp certificate al mondo, di cui 121 in Italia.

In effetti oggigiorno per le imprese l’attenzione alle tematiche sociali, ambientali e di governance (ESG, Environmental, Social, Governance) è diventata essenziale, anche nel mondo della finanza, dove si parla ormai di Impact Financing, tanto da penalizzare le aziende ancora reticenti rispetto a questa concezione di business sostenibile e inclusivo.

Ma perché conviene diventare una B Corp? I motivi sono molteplici, ma senza dubbio il primo fra tutti è rappresentato dal valore che questa certificazione apporta alla propria reputazione.

Il valore della reputazione

Diventare B Corp implica un forte impegno nel generare, tramite la propria attività, valore positivo verso tutti i propri stakeholder, oltre alla volontà di instaurare un rapporto aperto e trasparente con il mondo.

Un comportamento civico conforme a questi requisiti ha ricadute positive sull’immagine dell’azienda e sulla reputazione del brand, soprattutto da parte dei consumatori.

Negli ultimi anni la sostenibilità e la percezione di quelli che vengono chiamati Civic Brand ha acquisito sempre maggiore rilevanza nelle scelte di acquisto.

Millennials e Generazione Z sono i consumatori più sensibili da questo punto di vista, tanto da essere disposti a pagare anche il 30% in più per acquistare prodotti sostenibili.

Ma possedere una certificazione B Corp, per quanto sia un’ottima dimostrazione del proprio impegno, non è sufficiente. Per fidelizzare i nuovi consumatori occorre innanzi tutto essere trasparenti nel modo di governare l’impresa.

Le nuove generazioni sono molto più inclini a fare ricerche per verificare l’effettiva sostenibilità del prodotto/servizio che si accingono ad acquistare, dunque occorre essere molto chiari e trasparenti nel comunicare in che modo l’azienda mette in pratica la sostenibilità.

Ma gli effetti positivi della trasformazione in B Corp vanno ben oltre il semplice ritorno reputazionale.

La sostenibilità come leva di crescita del business

Diversi studi mostrano come essere sostenibili comporta concreti e importanti vantaggi anche in termini di crescita del business.

Le aziende che perseguono gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) sono solite sviluppare approcci innovativi per adattare la produzione alle nuove esigenze che emergono in ambito sociale, ambientale e di governance. La sostenibilità diventa così uno strumento di auto analisi e di sviluppo strategico integrato, che porta un triplice vantaggio: riduzione dei costi, maggiore produttività, ma anche accresciuta flessibilità e resilienza.

Il binomio business e sostenibilità consente di ottenere anche un altro significativo vantaggio: l’accesso a una gamma di nuove opportunità. Grazie al forte interesse del mondo finanziario verso i temi ESG, le aziende certificate B Corp sono decisamente avvantaggiate nell’attrarre nuovi investimenti.

Come ha dichiarato Larry Fink, CEO di Blackrock, tra i maggiori fondi d’investimento globali, investire su aziende che attestano la sostenibilità del proprio operato attraverso forme di rendicontazione trasparenti è diventato un must.

Questo requisito è soddisfatto alla fonte nel caso delle B Corp, che per ottenere e mantenere la propria certificazione, misurano e monitorano il proprio impatto ai fini di un miglioramento continuo e sistematico attraverso la compilazione del B Impact Assessment.

Diventare B Corp è dunque una scelta strategica, non solo per il presente ma anche per il futuro.

Le norme a tutela delle tematiche ambientali e dei diritti umani sono destinate a farsi sempre più severe, oltre che cogenti per un perimetro di imprese sempre più ampio, di conseguenza solo le aziende che sono sostenibili nel dna e capaci di attestare la compliance a tali norme potranno assicurarsi prosperità e futuro sul mercato.

Noi di Way2Global abbiamo scelto sin dalla nascita di diventare una B Corp, se vuoi saperne di più sulla nostra storia di rinascita sostenibile, visita la pagina “Benefit Corporation” e scarica il nostro Report Integrato compilando il modulo sottostante.

Contatti

Richiedi Informazioni


    Laura Gori è Founder e CEO di Way2Global, agenzia di traduzioni dall’anima Benefit, oltre che startup femminile. Dopo trent’anni alla guida di una piccola multinazionale della localizzazione, Laura ha deciso di ricominciare daccapo e di fondare Way2Global per fare impresa a beneficio della società e dell’ambiente, oltre che della crescita aziendale. Fervente paladina di Benefit Corporation e delle istanze di empowerment femminile, Laura coglie ogni occasione per diffondere consapevolezza su questi temi e contribuire all’affermazione di un’economia più giusta, egualitaria e sostenibile per tutti.
    Articoli correlati
    Consultazione pubblica e field test EFRAG sullo Standard VSME: la nostra esperienza

    All’inizio dell’anno abbiamo deciso di aderire a un progetto di grande attualità: testare e applicare sul campo il nuovo Standard europeo di rendicontazione della sostenibilità VSME (Voluntary […]

    Leggi di più
    Come tradurre il bilancio d’esercizio in inglese?

    Tradurre il bilancio d’esercizio in inglese è una scelta che impatta sulle opportunità di crescita dell’azienda, pertanto non va sottovalutata. Essendo uno dei documenti che traduciamo con […]

    Leggi di più
    Best practice 2023: il meglio della rendicontazione non finanziaria

    Si è svolta anche quest’anno la Conferenza sulle best practice italiane di informazione non finanziaria, evento organizzato da Fondazione O.I.B.R. in collaborazione con Assobenefit, Mercurio GP e […]

    Leggi di più
    Traduzione referto medico: la guida completa

    Il referto medico è tra i documenti più delicati e sensibili che ci vengono affidati in traduzione, ed è per questo motivo che occorre particolare rigore e competenza per […]

    Leggi di più
    Medical writing o traduzione medica?

    Medical writing e traduzione medica sono due servizi ben distinti, eppure spesso vengono confusi, e ci capita di ricevere richieste di medical writing per casistiche che […]

    Leggi di più
    Etichette dei farmaci: perché ricorrere alla traduzione professionale

    Le etichette dei farmaci sono uno strumento essenziale per garantire un corretto utilizzo dei medicinali, motivo più che sufficiente per preferire la traduzione professionale, servizio ben più affidabile e […]

    Leggi di più