8 Novembre 2021

Differenza tra traduzione e adattamento

Categoria: Localizzazione

Individuare una netta differenza tra traduzione e adattamento è molto difficile, se non impossibile.

La traduzione è un processo di trasposizione linguistica che può assumere sfumature diverse a seconda della tipologia di testo preso in esame. Se da una parte ci sono situazioni che richiedono una traduzione molto rigorosa, rigida, e fedele al testo originale, a escludere qualsiasi possibilità di “tradimento”, dall’altra vi sono casi in cui il traduttore può permettersi la massima libertà di trasgredire, a condizione di mantenere invariato l’intento comunicativo originario.

Tra questi due estremi si colloca una vasta gamma di opzioni intermedie, ossia circostanze che richiedono di tradurre tarando la soglia di adattamento con precisione chirurgica ma anche con estrema variabilità.

Vi è anche una casistica particolare in cui, invece di adattamento, sarebbe più corretto parlare di localizzazione.

Adattamento può essere localizzazione

La localizzazione non è altro che un processo di adattamento linguistico e culturale attuato al fine di rendere un testo, un prodotto o un software perfettamente fruibile a persone che vivono in un altro Paese, come se fosse stato pensato e realizzato nella lingua del Paese di riferimento.

Da questa definizione risulta quindi ben chiaro perché l’adattamento può essere inteso come localizzazione.

La lingua è intrisa di riferimenti culturali. Per questo motivo, nel momento in cui si traduce un testo da un idioma all’altro, occorre tenere in considerazione anche il fattore culturale apportando gli opportuni adattamenti.

La necessità di ricorrere alla localizzazione si rende particolarmente evidente quando ci si trova a dover tradurre una campagna pubblicitaria o il payoff di un’azienda. In entrambi i casi si scelgono parole che facciano presa sull’immaginario delle persone, per questo motivo si è soliti ricorrere a luoghi comuni, giochi di parole o riferimenti a personaggi e situazioni noti e condivisi da tutta la popolazione di persone che vive in un determinato contesto culturale.

Ma il testo scritto non è l’unico elemento a risultare oggetto di questa forma di adattamento.

Anche le foto, i video, le unità di misura e di tempo sono elementi che cambiano in base ai riferimenti culturali, e vanno quindi adattati. E’ un intervento che si rende necessario per tradurre siti web, e-commerce, videogiochi… Tutti contesti in cui localizzare (e quindi adattare) ogni minimo dettaglio contribuisce a ottimizzare la user experience dell’utente finale, fattore cruciale affinché questi sia invogliato a navigare, comprare, giocare…

Occuparsi di adattamento linguistico e culturale di questi contenuti non è affatto semplice, soprattutto se si ha a che fare con settori altamente regolamentati.

Tradurre e localizzare il sito web di uno studio legale, ad esempio, rappresenta una grande sfida per chi traduce. Occorre infatti adattare contenuto e grafica presenti sul sito in funzione della diversa giurisdizione e delle consuetudini del Paese di riferimento, e al tempo stesso assicurare il rigore richiesto da una traduzione legale.

L’adattamento linguistico e culturale è dunque un’operazione delicata, con la necessità di discostarsi dal testo originale senza però incorrere in nessun tipo di manipolazione.

Attenzione alla manipolazione

Come abbiamo visto in precedenza, localizzare non significa tradurre il testo parola per parola ma, al contrario, implica l’introduzione di modifiche che rendano il testo comprensibile a persone appartenenti a un’altra cultura. Tali adattamenti non devono però tradursi in una manipolazione del contenuto originario.

È la forma a cambiare, non la sostanza del messaggio che si vuole trasmettere.

Allora come assicurarsi che la localizzazione venga svolta nel modo corretto?

La risposta è semplice: rivolgendosi a dei professionisti del settore. I motivi a favore di questa prassi sono principalmente due.

In primo luogo, chi esegue traduzioni e localizzazioni a livello professionale vanta un’approfondita conoscenza della cultura di entrambi i Paesi coinvolti, requisito che consente di operare gli aggiustamenti necessari senza compromettere l’intenzionalità comunicativa del testo o del prodotto originale.

In aggiunta, rivolgersi a un’agenzia di traduzione professionale significa poter contare su un ciclo di lavoro strutturato, che azzera la probabilità di incorrere in errori o manipolazioni.

La traduzione infatti viene sottoposta al vaglio e al controllo di varie figure professionali (proofreader, revisori e Project Manager) che verificano il lavoro svolto a monte dal traduttore, e apportano eventuali aggiustamenti e correzioni laddove necessario.

L’attivazione di traduttori che fanno questo mestiere per professione e l’inserimento della traduzione vera e propria in un ciclo di lavoro ben più ampio, inclusivo di plurime fasi di controllo e revisione, garantiscono uno svolgimento corretto della localizzazione, e quindi il successo della strategia comunicativa dell’azienda.

In Way2Global questi sono due pre-requisiti alla base della nostra deontologia professionale: collaboriamo con traduttori madrelingua professionisti e seguiamo un ciclo di lavoro comprensivo di plurime fasi di controllo.

È grazie alla combinazione di questi due fattori che assicuriamo la traduzione e localizzazione di qualsiasi testo mantenendo invariato il messaggio contenuto nella versione originale.

Hai bisogno di un servizio di localizzazione? Contattaci!

Sede centrale

  • Indirizzo: Via Padre R. Giuliani, 10/A, Milano, Italia
  • Telefono: (+39) 02 66661366
  • Email: info@way2global.com
CONTATTACI