12 Aprile 2022

Internazionalizzazione e localizzazione di prodotto

Categoria: Internazionalizzazione

L’internazionalizzazione e la localizzazione di un prodotto sono attività essenziali per espandere il business dell’azienda in altri mercati.

Se con la prima azione si progetta alla fonte il prodotto in modo tale che possa essere utilizzato a livello internazionale, con la seconda lo si adatta alle necessità di ciascun Paese target.

L’internazionalizzazione mira infatti a diffondere un prodotto su più mercati esteri, di conseguenza deve tenere in considerazione la varietà di culture e consuetudini dello scenario globale e trovare un punto di equilibrio che attinga al carattere di universalità.

La localizzazione invece ha come scopo principale quello di personalizzare il prodotto affinché il potenziale cliente lo percepisca come fatto su misura per sé. Questa attività di adattamento diventa una scelta strategica per le aziende che esportano poiché consente di abbattere ogni tipo di barriera linguistica e culturale, conquistare la fiducia delle persone, e quindi nuovi mercati.

Seppur con modalità diametralmente opposte, l’internazionalizzazione e la localizzazione consentono alle aziende di far conoscere i propri prodotti e servizi all’estero per conquistare nuovi mercati.

Espandi il tuo business all’estero con il nostro supporto Da più di 30 anni supportiamo le aziende che vogliono crescere all’estero.
Scopri di più

Validare il mercato potenziale

Per internazionalizzare con successo è necessario innanzi tutto validare il mercato potenziale. Con questa espressione si intende l’attività preliminare di analisi per verificare la presenza in loco di persone potenziali clienti interessati ad acquistare il prodotto. Quest’attività si articola in tre step.

Innanzitutto occorre svolgere un’indagine di mercato. Non è detto infatti che un prodotto che ha conquistato il mercato in un Paese possa ottenere lo stesso successo in altri. Le differenze culturali giocano un ruolo determinante e rappresentano una sfida importante per chi intende internazionalizzare la propria attività.

Esaminare i trend generali consente di capire se il prodotto risulta interessante per target diversi rispetto a quello per cui è stato progettato, se un nuovo mercato esprime una richiesta in questo senso e lo ricerca online, e se questa richiesta, laddove esista, registra variazioni nel tempo. I nuovi strumenti digitali consentono di acquisire molte di queste informazioni anche online. Google Trends ad esempio è un ottimo strumento per capire la distribuzione dei volumi di ricerca del prodotto a livello geografico e temporale. Altrettanto importante è intercettare e raccogliere commenti e conversazioni online per valorizzare il feedback dei clienti e acquisire indicazioni per progettare migliorie.

Una volta raccolte tutte le informazioni necessarie, si potrà valutare l’appetibilità del prodotto ed eventualmente progettare le modifiche che potrebbero accrescere l’interesse del cliente potenziale. L’internazionalizzazione è efficace solo se il prodotto riesce a differenziarsi dall’offerta dei competitor e, allo stesso tempo, presenta delle caratteristiche che lo rendono apprezzato e venduto a livello internazionale.

L’ultimo step di validazione del mercato consiste nel monitorare la reazione del pubblico. L’ascolto del mercato target non si esaurisce con la fase inziale di raccolta delle informazioni, al contrario deve intensificarsi successivamente al lancio del prodotto e alla sua immissione sul mercato. Solo così si può aggiustare il tiro e mettere a punto un prodotto dalle caratteristiche ottimali per conquistare la scena internazionale.

Documentazione di prodotto e promozione

Nel definire le strategie di internazionalizzazione di un prodotto non bisogna trascurare la fruibilità della documentazione e dei materiali di promozione dello stesso.

A seconda della tipologia di articolo da esportare, occorre predisporre nella lingua del Paese di riferimento un corredo di documentazione, cioè di un insieme di documenti che ne illustrano caratteristiche, funzionalità, modalità di utilizzo ed eventuali avvertenze. L’approntamento di queste informazioni è un requisito indispensabile per la commercializzazione del prodotto a livello internazionale.

Tradurre la documentazione di riferimento è quindi un’attività determinante per internazionalizzare un prodotto. La traduzione deve essere corretta, puntuale e fedele al testo originale. Eventuali errori di traduzione possono avere gravi ripercussioni sull’azienda come penalizzare o bloccare le vendite, o addirittura innescare problematiche di natura legale. Per questo motivo è consigliabile tenere l’attività di traduzione nella giusta considerazione, e affidare la traduzione a un team di professionisti del settore. Questa scelta consente di disporre di documenti tradotti in modo adeguato e tempestivo, evitando perdite di tempo per eventuali verifiche e correzioni, già ricomprese in un servizio di traduzione professionale.

Oltre alla documentazione a corredo del prodotto, occorre rendere fruibile anche i materiali di promozione, sia in formato cartaceo, come comunicati stampa, brochure e cartelloni pubblicitari, sia in formato digitale, come newsletter, siti web, cataloghi online, articoli del blog aziendale.

E’ questo il contesto in cui limitarsi a una semplice traduzione può non bastare, e ricorrere alla localizzazione può dimostrarsi una scelta strategica vincente. Una leva importante per promuovere un prodotto consiste infatti nell’agganciarlo al contesto culturale del nuovo mercato. Capita spesso di incontrare claim con riferimenti culturali o slogan e payoff che sfruttano la potenza comunicativa di un modo di dire locale. Questi sono alcuni esempi di elementi che si rende necessario adattare di volta in volta in base al Paese di riferimento.

Anche in questo caso, la chiave di volta del successo di una campagna commerciale all’estero sta nella scelta di affidarsi a linguisti specializzati nella localizzazione, o, ancora meglio, alla transcreation, una tecnica di traduzione creativa molto richiesta per i contenuti marketing.

In Way2Global supportiamo le aziende nell’internazionalizzazione e nella localizzazione dei loro prodotti attraverso i nostri servizi. L’esperienza trentennale, la qualità certificata delle nostre traduzioni e la filosofia Benefit che guida il nostro lavoro sono i nostri fattori differenzianti, che ci consentono di rispondere alle esigenze dei clienti con qualità, rapidità ed efficienza.

Se hai bisogno di internazionalizzare e localizzare i tuoi prodotti, non esitare a contattarci.

Contatti

Richiedi Informazioni


    Massimo Maffei è Chief Operating Officer di Way2Global, agenzia di traduzioni dall’anima Benefit, oltre che startup femminile. Con oltre 14 anni di esperienza nel settore della Language Industry, alla guida del reparto Sales ha curato le relazioni internazionali dell’azienda aprendo mercati e instaurando collaborazioni con clienti di ogni parte del mondo. Coniugando oggi nel suo ruolo commerciale anche la supervisione delle Operations, cura le relazioni internazionali che legano Way2Global a clienti e fornitori. Sempre pronto a nuove sfide, Massimo si tiene costantemente aggiornato sullo stato dell’arte dei nostri settori di riferimento, primo fra tutti il Life Sciences.